Sei nella sezione: » Home » Presentazione » La Missione


LA MISSIONE

La missione della Cooperativa Sociale DigitAbile è lavorare per costruire condizioni tali da far incontrare sistema produttivo e sistema dello svantaggio costruendo o ri-costruendo quelle condizioni necessarie ed indispensabili a superare la complessità del gap esistente fra i due, mediante la progettazione di interventi personalizzati compatibili con le caratteristiche e con lo specifico progetto di vita del soggetto.

Se scopo precipuo della Cooperativa Sociale DigitAbile è, quindi, operare inserimenti lavorativi di fasce deboli tali da potersi definire “ stabili e proficui” se rispondenti al progetto di vita, professionale oltre che personale, del Beneficiario, un ruolo fondamentale in tale prospettiva, e in assenza del medesimo, è certamente svolto da una necessaria attività di orientamento professionale.

La Cooperativa Sociale DigitAbile, in particolare, e proprio al fine di accompagnare il Beneficiario in un percorso diretto alla emersione o costruzione di tale progetto, propone l'impiego di differenti strumenti orientativi, tra questi, in particolare, la metodologia del bilancio orientativo, strumento che trae il suo fondamento dal Bilancio delle Competenze francese.

La Cooperativa, inoltre, oltre agli appena descritti interventi diretti all'inserimento lavorativo in azienda, promuove altresì interventi di inserimento socio-lavorativo, volti alla promozione delle capacità residue del Beneficiario, alla valorizzazione di tali capacità, allo sviluppo di nuove capacità e competenze in termini di sapere, saper fare e saper essere, alla elaborazione del progetto personale e professionale ai fini di un suo efficace inserimento lavorativo rispondente ai criteri di stabilità e proficuità sopradescritti.

Scopo Mutualistico

La Cooperativa, conformemente alla Legge 381/91, ha lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità  alla  promozione  umana  e  all'integrazione  sociale  dei  cittadini,  con  particolare  riguardo all'inserimento  lavorativo  delle  persone  svantaggiate,  così  come  definite  dall'art.  4  della  Legge 09.11.1991, n. 381. Essa non ha scopo di lucro.

Principi ispiratori

La Cooperativa si ispira ai principi che sono alla base del movimento cooperativo mondiale ed in rapporto ad essi agisce.

Questi  principi  sono:  la  mutualità,  la  solidarietà,  la  democraticità,  l'impegno,  l'equilibrio  delle responsabilità rispetto ai ruoli, lo spirito comunitario, il legame con il territorio, un equilibrato rapporto con lo Stato e le istituzioni pubbliche, la promozione umana.

E’ per essa prioritario ascoltare la società civile, studiarne i bisogni, ispirarsi a valori quali:

  •  la “ Democrazia partecipata”, essa rappresenta per la DigitAbile il valore fondante del suo essere e agire quotidiano. Essa ritiene importante e strategico vivere la    democrazia partecipata nelle sue due accezioni:

                  - Interna: intesa come partecipazione attiva ai processi decisionali e organizzativi di tutti quei soggetti  (Soci  lavoratori,  famiglie  dei  soggetti  svantaggiati,  etc...)  che  a  diverso  titolo interagiscono con la Cooperativa.

                  - Esterna: intesa  invece  come  la  partecipazione  della  Cooperativa  a  processi  di  sviluppo economico - sociale  (ai sensi della L. 328/00) della comunità in cui opera, agendo in qualità di promotore di politiche di welfare.

  •   la  “ reciprocità”,  essa  si  basa  sull'uguaglianza  tra  gli  individui  e  si  concretizza  attraverso  la solidarietà e la fraternità così intese:

                 - Solidarietà: rappresenta il principio che tende a rendere uguali i diversi.  In una popolazione, in un insieme di soggetti, molto diversi dal punto di vista delle condizioni economico-sociali, la solidarietà cerca di realizzare una convergenza eliminando le distanze.

                 - Fraternità: implica la creazione di relazioni che evidenziano, valorizzano e promuovono le specificità individuali.

  • il “ Lavoro” inteso come uno strumento per migliorare la qualità della vita favorendo l'inclusione sociale.

Democrazia  partecipata,  reciprocità,  lavoro,  come  sopra  intesi,  costituiscono  le  prerogative fondamentali che le risorse umane operanti nella Cooperativa devono osservare nello svolgimento delle attività intraprese, ossia nel progettare strategie per la crescita del benessere dell'intera comunità. Pertanto elemento cardine del patrimonio sociale della Cooperativa è l'essere Agente di Cambiamento Sociale attraverso:

  • la Relazionalità, intesa come capacità di mettersi in relazione (con le persone, con le istituzioni, con il territorio) mediante: 
     

                 - Accoglienza
                 - Capacità di ascolto
                 - Attenzione
                 - Altruismo
                 - Fiducia
                 - Sensibilità
                 - Spirito collaborativo

  • la Partecipazione attiva
     

                 - Interna all'organizzazione, dove ciascun socio contribuisce attivamente e fattivamente alla gestione dell'impresa;


                 - Esterna nei rapporti con il territorio.

  •   la  Responsabilità  vs.  le  persone:  intesa  come  l'assunzione  di  responsabilità  da  parte  della Cooperativa  e  di  ciascun  operatore  nei  confronti  delle  persone  che  interagiscono  con  essa,  in particolar modo nei confronti dei soggetti svantaggiati attraverso:

                 - flessibilità

                 - personalizzazione degli interventi 

  •  lo Sviluppo del mercato di qualità sociale attivando processi di  integrazione con gli attori esterni, portando il sociale anche in contesti in cui è assente mediante i seguenti “modi di essere”:
        - Essere proattivi 
        - Non essere neutrali 
        - Generare contagio positivo 
        - Acquisire ed esercitare contrattualità sociale 
        - Essere imprenditori sociali 
        - Generare crescita personale e professionale 
        - Promuovere il potenziale delle persone

E’  in  questo  modo  che  la  Cooperativa  Sociale  DigitAbile  intende  portare  il  suo  contributo  alla “costruzione” di un Welfare delle opportunità, dei diritti di tutti all’accesso, all’uso e all’esercizio delle risorse con senso di responsabilità e in funzione dello sviluppo economico e civile della comunità.